SPORT E DOPING

Il termine DOPING indica l uso di sostanze chimiche e/o di metodiche volte ad aumentare artificiosamente il rendimento atletico rispetto a quanto si otterrebbe con l allenamento. Il DOPING trasgredisce le regole di CORRETTEZZA, LEALTA’ e RISPETTO verso gli altri. VALORI CHE COSTITUISCONO LA BASE DI OGNI CONFRONTO SPORTIVO.                                                                                                                                                                                                                                   SOSTANZE DOPANTI:                                                                                                     Il Ministero della Salute ha approvato l elenco delle sostanze vietate per Doping. In genere si tratta di farmaci che hanno lo scopo di:                                                                                                                                                    – ridurre la percezione della fatica.                                                                              – migliorare la prontezza dei riflessi.                                                                          – accrescere la forza e/o la resistenza muscolare.                                              – migliorare l ossigenazione del sangue.                                                                  – ridurre il peso corporeo.                                                                                               – attenuare l ansia.                                                                                                                 – ridurre il tremore muscolare.                                                                                                                                                                                                                                                 PRATICHE DOPANTI:                                                                                                      – trasfusioni di sangue.                                                                                                        – somministrazione di globuli rossi e derivati del sangue.                            – mascherare nelle urine la presenza di sostanze proibite.                                                                                                                                                                                     GLI STIMOLANTI:                                                                                                                 Anfetamine, Cocaina, Efredina sono stimolanti del Sistema Nervoso Centrale. EFFETTI SULLA PRESTAZIONE: riduzione del senso della fatica; aumento dell aggressivita’, eccitazione psicomotoria. DANNI ALL ORGANISMO: spinta oltre i propri limiti con morte per gravi aritmie cardiache e infarto cardiaco. Insonnia, cefalea, vertigini, ansia, tachicardia, ipertensione, palpitazioni, agitazione psicomotoria, delirio.                                                                                                                                                                                                                                                                     GLI ANABOLIZZANTI:                                                                                                     Sostanze di natura ormonale. EFFETTI SULLA PRESTAZIONE: aumento della forza muscolare attraverso un aumento della massa. DANNI ALL ORGANISMO: rottura dei tendini sotto sforzo; accelerazione della maturazione scheletrica con arresto della crescita negli adolescenti, untuosita’ della pelle e dei capelli, acne cistica grave al volto e nella schiena. Nell uomo atrofia dei testicoli con riduzione della fertilita’ e impotenza, ipertrofia della prostata con difficolta’ alla minzione. Nella donna irregolarita’ mestruali, mascolinizzazione dei tratti somatici, con crescita eccessiva dei peli e abbassamento del timbro della voce. Aumento del colesterolo nel sangue con danno precoce alle arterie ( aterosclerosi ), aumento della pressione arteriosa con aumentata incidenza di ictus cerebrale e infarto miocardio. Modificazione dell umore e del comportamento con la comparsa di sintomi depressivi e maniacali. Aumentano l aggressivita’, l irritabilita’, l ostilita’, e gli impulsi distruttivi e autolesionistici. Sono stati descritti anche tumori al fegato e alla prostata.                                                                                                                                                                                                                                                                                               L ORMONE DELLA CRESCITA:                                                                                   Effetti sulla prestazione: scarso o nullo aumento della forza per un azione di tipo anabolizzante non sempre dimostrata sulla massa muscolare. DANNI ALL ORGANISMO: ipertensione, cardiopatie, modificazione del volume del cranio, delle mani e dei piedi, ictus cerebrale, diabete, artrosi precoce, carcinoma del colon del retto e morte prematura.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     LA ERITROPOIETINA ( EPO ).                                                                                       EFFETTI SULLA PRESTAZIONE: aumento dell ossigeno circolante per un aumento della produzione di globuli rossi con maggior disponibilita’ di ossigeno per i muscoli che migliora la capacita’ di resistenza aerobica negli sport di lunga durata ( maratona, ciclismo, sci di fondo ). DANNI ALL ORGANISMO: cefalea, dolori articolari, ipertensione, convulsioni. Aumento dell ematocrito con aumento della viscosita’ del sangue accentuata dalla perdita di liquidi durante lo sforzo e conseguente maggiore incidenza di eventi tromboembolici con ictus cerebrale e infarto del miocardio. Danni epatici da accumulo di ferro fino alla cirrosi.                                                                                                                                                                                                                                                                           CONCLUSIONI                                                              Un ALLENAMENTO metodico e personalizzato costituisce L UNICO MEZZO SICURO ED EFFICACE per ottenere risultati concreti e duraturi senza compromettere la propria salute.

MEDICINA SPORTIVA ‘Ferite nelle parti molli’ (Dott. Truppa).

FERITE NELLE PARTI MOLLI:                                                                                                                                                                                                                                         Le ferite nelle parti molli si dividono in due gruppi: le ferite CHIUSE e le ferite APERTE.                                                                                                                FERITE CHIUSE:                                                                                                                     – CONTUSIONI: Si manifestano a seguito a un trauma, non c e’ rottura di capillari ma una fuoriuscita di liquidi che portano a un gonfiore.                                                                                                                                         – ECCHIMOSI: Portano a una fuoriuscita di sangue dai capillari e formano il livido.                                                                                                                     – EMATOMI: Lesione vasale, rottura di capillari o piccole vene a livello piu’ superficiale o muscolare.                                                                             FERITE APERTE:                                                                                                                    – ABRASIONI: Molto superficiali con sanguinamento, dovute generalmente da compressioni e strisciamento.                                                   – FERITE: Intese nel senso stretto del termine, si dividono nei seguenti sottogruppi:                                                                                                              1) ferite lineari o da taglio..con margini netti e diritti.                                       2) ferite lacere con margini irregolari.                                                                     3) ferite contuse con margini infiltrati di sangue.                                               4) ferite lacere contuse con margini infiltrati di sangue e gonfiore.     – ABULSIONI: Si manifestano con lo staccamento di frammenti di tessuto cutaneo e-o sottocutaneo.                                                                                                       FERITE FREQUENTI NEL PUGILATO                                                                                                                                                                                                           – FERITE DEL CUOIO CAPELLUTO: Piu’ frequenti nel professionismo, poco pericolose molto sanguinanti.                                             – FERITE DELL ARCATA SOPRACCIGLIARE: Frequenti per la sporgenza dell arcata – spesso recidiva.                                                                         – FERITE ALLE PALPEBRE: Superiore e inferiore – possono interessare il muscolo orbicolare.                                                                                     – FERITE SOTTOORBITARIE : Sotto l occhio.                                                                                                                                                                                                             Meno frequenti sono le ferite delle pinne nasali, delle labbra, della lingua, dell orecchio ( otoematoma in seguito a colpi al padiglione auricolare ). Quando la ferita sanguina e’ positivo perche’ con il sanguinamento fuoriescono anche germi e batteri. Le ferite frastagliate sono piu’ a rischio di infezione quindi vanno pulite e curate subito.                                                                                                                                                                                                                                                                                          TRAUMI                                                                                                                                                                                                                                                                                               I traumi piu’ frequenti sono:                                                                                                                                                                                                                                                   – TRAUMI OCULARI: Le lesioni piu’ gravi sono le fratture del pavimento dell orbita. Gravi lesioni della congiuntiva. Abrasioni, lesioni della cornea. Le lesioni della retina in seguito a traumi ripetuti nel tempo possono portare al distacco della retina.                                           – TRAUMI DELL APPARATO DENTALE: Fratture della mascella e della mandibola. Rottura del dente. Spostamento del dente dall alveolo, che in genere col tempo ritorna a posto da solo.                                – TRAUMI DELL ORECCHIO: I traumi possono essere in varie zone dell orecchio. 1) Orecchio Esterno ( al padiglione auricolare – otoematoma ). 2) Orecchio Medio ( alla membrana del timpano – con il colpo ricevuto puo’ aumentare la pressione e si puo’ rompere la membrana del timpano, i sintomi sono dolore improvviso, sanguinamento e vertigini. Non ci sono terapie particolari da seguire perche’ si ristabilisce da solo, si raccomanda di lasciarla aperta. 3) Orecchio Interno ( si possono spostare i canali semicircolari responsabili dell equilibrio ).                                                                                                                                                                                                                                                       – TRAUMI CRANIO-ENCEFACILI                                                                               – I traumi possono portare a:                                                                                          – SINDROME CONCUSSIVA: dovuta a colpi che inducono un accelerazione rotatoria del cranio ( con montanti e ganci ), non c e’ danno anatomico, ma pio’ creare disturbi funzionali ( disturbo acuto ) con alterazione dello stato di coscenza a vari stadi: 1 Stadio…il pugile barcolla. 2 Stadio…il pugile cade al tappeto, non si rialza ma non perde coscienza. 3 Stadio…il pugile perde coscienza ma poi si riprende. 4 Stadio….il pugile subisce una perdita di coscienza protratta. In seguito alla sindrome concussiva si ha la sindrome post-concussiva: i postumi di una concussione non esistono, nascono problemi se non si rispetta il giusto tempo di recupero.                                                                                                                                                                                            – CONTUSIONE CEREBRALE: Non c e’ sanguinamento ma trasuda il liquido, non c e’ emorragia ma c e’ edema cerebrale che determina un rigonfiamento e una compressione che impedisce la circolazione e-o la respirazione, c e’ un danno anatomico del tessuto ( necrosi o edema cerebrale ). La contusione si puo’ manifestare con un colpo diretto o andando KO e sbattendo la testa sul tappeto; la contusione puo’ essere dalla parte opposta a dove il pugile ha ricevuto il colpo.                                                                                                                                                               – EMATOMA CEREBRALE: La sindrome da compressione cerebrale e’ causata da ematomi intracranici. Il piu’ grave e’ l’ EMATOMA SUBDURALE ACUTO che si manifesta in seguito a un colpo al capo con accelerazione in senso rotatorio con conseguente rottura di vene in piu’ punti. Si riscontra l EMATOMA ACUTO se si manifesta nelle 48 ore, l UMATOMA SUBACUTO se si manifesta dopo 48 ore e non piu’ tardi di 15 giorni. A volte la perdita di coscienza e’ dovuta a colpi al plesso solare, al collo, al livello degli occhi o a altro.                                                                                                                                                                                 IL PARADENTI: Permette di ammortizzare i colpi diretti, evita il contatto tra le due arcate, protegge i denti, deve adattarsi bene all arcata dentale, deve consentire la respirazione, deve essere inodore, insapore, anallergico e sterilizzabile, deve consentire la deglutizione e avere la massima stabilita’ all interno della bocca.

 

Counselling Sportivo

Il COUNSELLOR SOCIO-EDUCATIVO PER LO SPORT E LE ATTIVITA’ MOTORIE.                                                                                                                                                                                                                                                                  Oggigiorno sappiamo quanto sia importante per un atleta allenarsi. Con l allenamento l atleta puo’ ampliare i propri limiti, avvicinandosi, sempre piu’ alla PRESTAZIONE OTTIMALE, quella ideale, quella che si e’ prefissato. Parlando di allenamento tradizionalmente il nostro pensiero va all ‘allenamento fisico..a quello tecnico o tattico. Ma lo sport e’ anche PENSIERI, EMOZIONI, COMPORTAMENTI. Ogni pratica sportiva e’ legata con un filo rosso ai nostri aspetti mentali..ai nostri istinti..alla nostra razionalita’..alle nostre emozioni..alle nostre convinzioni e ai nostri comportamenti agili. L impressione che si ha guardando ai fatti di sport e’ che spesso il divario tecnico-qualitativo sembra incidere sempre meno, mentre , a fare la differenza e’ la condizione mentale e psicologica delle squadre e degli atleti. Per questo le domande che emergono possono essere: come possiamo essere piu’ concentrati? com’e’ possibile gestire l’ ansia o la tensione della gara? in quale modo possiamo essere piu’ motivati? come possiamo vincere con la testa?. Tutto questo e’ possibile grazie ad una SPECIFICA CONSULENZA PROFESSIONALE IN AMBITO SPORTIVO. I beneficiari di un intervento di consulenza in ambito sportivo possono essere singoli atleti che praticano sport individuali, squadre, gruppi ed allenatori. Generalmente l’ obiettivo e’ quello di favorire un approccio mentale il piu’ idoneo possibile per affrontare le competizioni e gli allenamenti. Si vuole accrescere e potenziare la prestazione degli atleti attraverso una proposta di una METODOLOGIA SANA  che consenta loro di sfruttare le proprie risorse mentali per integrarle in maniera armonica con quelle atletiche e tecnico-tattiche. Come figura professionale e’ un professionista operante nel mondo dello sport e che ha acquisito conoscenze e le competenze per pianificare, realizzare e verificare sia interventi di alto livello agonistico, sia del settore giovanile; si ritrova a poter lavorare in settori piu’ tradizionali, altri di recente acquisizione, per disabili psichici, per la diffusione del doping, per l’ attivita’ motorie nelle fasce piu’ deboli, bambini ed anziani, nelle istituzioni scolastiche come COUNSELOR per le attivita’ motorie. Opera in strutture pubbliche e private ( Societa’ Sportive, Federazioni e Associazioni Sportive, Scuole di tutti gli ordini e gradi, Enti Pubblici e Cooperative con centri sportivi per il fitness, Villaggi turistici, Centri CONI di sport-terapia, collabora con le reti della comunita’ per la gestione della violenza negli stadi ) nonche’ come libero professionista. Promuove quindi il benessere in ambito sportivo del singolo atleta, della squadra, della societa’ sportiva, in quanto facilitatore e mediatore delle abilita’ individuali, interpersonali e di comunita’, utilizzando le metodologie piu’ idonee a tali scopi. Competenze nell intervento di COUNSELING SPORTIVO in particolare significa valutazione del problema, analisi dei valori-cultura dell ambiente e dei singoli ( atleti, staff tecnico, staff manageriale ); valutazione dei tempi dell intervento, costruzione della relazione dell intervento ( aggancio, empatia ), verifica in etinere e conclusiva. Il COUNSELLOR partecipa agli allenamenti, incontra a colloquio l atleta, i tecnici, la presidenza societaria; prepara mentalmente l atleta e-o la squadra all allenamento e alla gara; collabora con i tecnici nella pianificazione degli allenamenti e delle gare, collabora con i tecnici nella pianificazione degli allenamenti e delle gare, collabora con il livello dirigenziale nel miglioramento del servizio offerto.  E’ chiaro come, soprattutto in un contesto societario, l intervento del counselor debba quindi essere voluto, sostenuto e condiviso, perche’ altrimenti il rischio e’ che venga vissuto come un corpo estraneo.

Principio della Periodizzazione. ( lezione Santa Maria Degli Angeli )

Il principio della Periodizzazione rappresenta la scansione dei contenuti, dei modi e del carico di un allenamento in funzione di obiettivi programmati. Si distingue un ‘piano annuale’ ossia una scansione nell anno dei periodi di allenamento quindi un MACROCICLO ( a lungo termine ) che rappresenta uno dei periodi in cui e’ divisa la stagione degli allenamenti. Un MESOCICLO ( a medio termine ) che rappresenta la scansione dei carichi e dei contenuti all interno di un macrociclo. Un MICROCICLO che rappresenta la sequenza di sedute di allenamento organizzate nell ambito di un mesociclo. La periodizzazione prevede un PERIODO DI PREPARAZIONE dove si aumenta l intensita’ e cala il volume. Un PERIODO AGONISTICO che con i carichi di lavoro e le gare si stabilizza la max forma dell atleta. Un PERIODO DI TRANSIZIONE con basso volume e intensita’ per favorire il recupero.